E’ solo uno sfogo

Volevo scrivere di me, di quest’estate strana, del lavoro, delle mie piccole soddisfazioni. Invece un sentimento ambivalente mi domina; mi figlio: lo detesto. Mi fa arrabbiare, mi risponde male, malissimo, non ci sopportiamo.

Il fatto è che io non so come fare con te, e ti vorrei ammazzare. Ti voglio bene. Sei mio figlio. Ma se dei marziani venissero a riprenderti e dicessero Tutto bene, è stato un esperimento, è uno di noi, per questo non vi capivate, ce lo riprendiamo, non dico che sarei sollevata. Stapperei uno bottiglia di champagne. Questo perché io ti odio. Io ti amo, a volte, non posso negarlo. Ma per la maggior parte del tempo io ti odio.  V. Diana “Smamma”

Ci sono io completamente in questo pensiero: il rapporto con mio figlio, la mia vita, i miei sbagli. C’è tutto.

Pensieri e parole

“Io penso che le persone non si dimenticano. Non puoi dimenticare chi un giorno ti faceva sorridere, chi ti faceva battere il cuore, chi ti faceva piangere per ore intere.Le persone non si dimenticano. Cambia il modo in cui noi le vediamo,… L.Ligabue

 

… e la penso anch’io così: le persone che ho conosciuto, che forse non rivedrò più, quelle che mi stanno ancora vicino, gli amici del blog.

Un filo mai interrotto

Ci sono tante cose che vorrei scrivere: pensieri e riflessioni che mi nascono tra le mille cose da fare, ma, soprattutto, vorrei tenere aggiornato questo spazio e non perdervi completamente, voi che, attraverso i tanti commenti, mi avete dato tanto.

Mentre mi prendo un caffè, dopo tanto tempo, sto qui con voi…sperando che qualcuno passi per riprendere il filo dei pensieri, perché anche se non scrivo e non gironzolo il filo con voi non si è mai interrotto.

images (4)

Prima o poi…

Prima o poi le conferme arrivano. Forse più poi che prima, ma arrivano.

Arrivano come il risultato di un’operazione matematica: se ti comporti così succede questo. Come a dire: semina che raccogli.

Numeri fatti di azioni che sommati danno il risultato voluto ( e sperato).

Le cose cambiano

I desideri non invecchiano con l’età?

Non lo so. Forse si trasformano o, molto probabilmente, si stancano di essere solo desideri.

Le cose cambiano, anche i desideri: diventano più terreni, più accessibili, più pratici.

Il fuoco sacro dei sogni e degli ideali, lentamente, si affievolisce.

Nonostante

‘I se sono il marchio dei falliti! Nella vita si diventa grandi nonostante.’

M.Gramellini

 

Nonostante le ferite, i colpi bassi, le parole non ascoltate e non dette, gli abbracci non ricevuti. Nonostante le delusioni e tutti i sogni infranti, gli schiaffi e le lacrime. Si diventa grandi anche mentendo a se stessi.